Creare una Postazione per il Notebook con un Monitor Secondario

Avere due monitor a disposizione è comodo e semplice. Se poi l’unico computer che si utilizza quotidianamente è un notebook, a maggior ragione: basta collegare un ampio display per sfruttare al meglio le possibilità del portatile, anche per giocare o per utilizzare software che necessitano di schermate molto ampie.

Per farlo non serve essere dei grandi “smanettoni”, le impostazioni sono infatti semplici da impostare. In più si può creare una sorta di postazione alla scrivania, per poi staccare il notebook e spostarlo come e quando si desidera.

 

Come Installare un Secondo Monitor

Gestire un secondo monitor con il portatile è semplice e immediato. Basta infatti connettere il monitor secondario con una presa HDMI per poterlo utilizzare sul computer insieme a quello principale. L’unica questione da valutare è proprio quale sarà il display principale, o se in effetti serva questo tipo di distinzione.

Ci sono persone che usano più monitor avvicinati per creare un ampio schermo da utilizzare per giocare o lavorare, per farlo è necessario che la scheda video sia abilitata a garantirci questo tipo di possibilità. Nei casi comuni si utilizzano contemporaneamente due monitor, quello del notebook e uno più grande ad esempio, scegliendone uno come principale e l’altro come secondario. Sul primo si visualizzerà il desktop, sul secondo invece si potranno aprire le finestre dei programmi.

 

Con il Mac

Per chi possiede un Mac le cose sono del tutto simili rispetto a chi possiede un computer Microsoft. Volendo però i prodotti Apple ci permettono di sfruttare un iPad come monitor secondario, senza cavi e fili che rendono complicata e scomoda la situazione. Per utilizzare un iPad come monitor secondario del Mac è possibile utilizzare diversi metodi, ad esempio lo si può fare utilizzando un software, chiamato Screens, disponibile su app Store.

L’unica cosa da verificare è che entrambe i dispositivi che si intende utilizzare, quindi il Mac è l’iPad, siano connessi alla medesima linea Wi-Fi, che sarà utilizzata per la connessione tra i due display.

 

Perché Configurare un Secondo Monitor

Le motivazioni che ci portano alla necessità di avere un monitor secondario sono molteplici. Spesso chi utilizza questo tipo di configurazione è chi possiede esclusivamente un notebook, che usa per lo studio o il lavoro e anche per giocare a casa.

Per questo secondo scopo avere un monitor grande e in alta definizione è essenziale; installando un secondo monitor si ha la possibilità di acquistare un notebook di dimensioni molto ridotte, anche meno di 13 pollici, senza che questo sia un ostacolo durante l’uso. Si avrà così un portatile leggero e compatto, molto facile da spostare in giro per la città, comodo da utilizzare in mobilità.

Quando si rientra a casa lo si connette al secondo monitor, e magari anche a un mouse che si rispetti e a una tastiera, per sfruttarlo come meglio si crede. Anche chi possiede un computer fisso può però sfruttare due monitor, per motivazioni tra le più varie, che riguardano soprattutto la necessitò di mantenere aperti più programmi, senza diminuire eccessivamente la finestra che ce li mostra.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi